Odontoiatria Estetica – Brianzadent

Odontoiatria estetica

Al giorno d’oggi l’estetica ha un’importanza speciale e poiché il viso e soprattutto la bocca e i denti hanno un ruolo importante, è nata la necessità di sviluppare l’odontoiatria estetica.

Le persone amano la bellezza e vogliono apparire belli, e nei casi in cui ci sono problemi nel sorriso di qualcuno, allora attraverso tecniche specifiche, materiali super estetici e interventi chirurgici si realizza un sorriso perfetto. Di seguito spieghiamo alcuni dei materiali e delle tecniche utilizzate:

Chirurgia Estetica delle Gengive

Questo intervento consiste nel rimuovere parte dell’osso e delle gengive che circondano i denti. Dopo questo intervento, si prevede che le gengive guariscano per 6 settimane e quindi si potrà continuare il lavoro protesico. Questo intervento viene eseguito nei seguenti casi:

1. Gummy Smile; sono i casi in cui la gengiva della persona è molto evidente durante un sorriso o una risata. In questi casi il livello della gengiva sale più in alto e quindi i denti vengono rivestiti con faccette in porcellana (Laminate) o con corone in porcellana.

2. Nei casi in cui le gengive sono ingrandite, a causa dell’uso di vari medicinali o malattie gengivali, e coprono una parte dei denti.

3. Nei casi in cui abbiamo una differenza nella lunghezza dei primi denti. Interferendo con la parte gengivale possiamo fare in modo che i denti abbiano la stessa lunghezza.

4. Nei casi in cui la lunghezza del dente è insufficiente per eseguire lavorazioni su di esso, si interviene effettuando un prolungamento della corona (Crown Lengthening).

Zbardhim Dhëmbësh - Brianza Dent

Sbiancamento dei denti

Perché i denti cambiano colore?

Le cause dello scolorimento dei denti sono molteplici, come: farmaci vari, traumi dentali (fratture, impatti, ecc.), Rimozione del nervo dentale.

L’uso di antibiotici come la tetraciclina da parte della madre durante la gravidanza o dal bambino, influisce sullo scolorimento dei denti del bambino; in alcuni casi, cibi o bevande speciali come Coca Cola, caffè, alimenti che hanno coloranti nella composizione, influenzano il colore dei denti.

Come avviene (funziona) lo sbiancamento?

Le sostanze utilizzate per lo sbiancamento sono: Perossido di Carbamide e Perossido di Idrogeno. Queste due sostanze hanno la capacità (qualità) di passare liberamente attraverso gli strati del dente (smalto, dentina) e di diffondersi a tutte le parti del dente. Questi perossidi (Carbamide e Perossido di idrogeno) vengono scomposti in radicali di ossigeno, che entrano tra i prismi di smalto (strato esterno del dente), disperdendo (distruggendo) le molecole colorate che influenzano il colore del dente. Lo sbiancamento non influisce sulla struttura del dente, solo che il colore interno del dente diventa più bianco.

Gli agenti sbiancanti si scompongono in molecole più piccole e si muovono in tutte le direzioni all’interno del dente. Anche se l’intero dente non è coperto dal agente sbiancante, sbianca il tutto.
Numerosi studi scientifici hanno dimostrato l’efficacia dei perossidi nello sbiancamento dei denti. Lo smalto e la dentina (due strati di dente), le otturazioni esistenti e la porcellana non vengono intaccate o danneggiate dagli agenti sbiancanti.

È vero che lo sbiancamento influisce sulla connessione tra l’otturazione e il dente?

Sebbene gli agenti sbiancanti rilasciano grandi quantità di ossigeno nei denti, i legami delle otturazioni esistenti ai denti non vengono influenzati.
Ma se le otturazioni bianche devono essere fatte dopo lo sbiancamento, si deve attendere per un periodo di 7-10 giorni, poiché l’elevata quantità di ossigeno nei denti influisce negativamente sull’otturazione del dente (per le nuove otturazioni da fare).

Quanto dura l’effetto schiarente?

I risultati dello sbiancamento sono costanti. Tuttavia, a seconda delle abitudini alimentari e dello stile di vita, potrebbe essere necessario ripetere lo sbiancamento ogni 2 anni.
Per mantenere inalterato l’effetto sbiancante, si consiglia l’uso regolare dell dentifricio sbiancante consigliato dal medico.

Zbardhim Dhëmbësh - Brianza Dent

È vero che lo sbiancamento causa ipersensibilità?

L’ipersensibilità è un effetto collaterale temporaneo dello sbiancamento. Si fermerà alla fine della seduta di sbiancamento. I recenti prodotti per lo sbiancamento dei denti sono ora composti da elementi come il nitrato di potassio che elimina l’ipersensibilità.
Secondo la ricerca scientifica il nitrato di potassio penetra nello smalto, nella dentina e persino nel tessuto pulpare agendo come un sedativo (effetto analgesico e anestetico).
I materiali per lo sbiancamento dei denti contengono fluoruri che vengono utilizzati nel trattamento dell’ipersensibilità dei denti e nella prevenzione della carie.

È vero che lo sbiancamento dei denti causa problemi indebolendo lo smalto dei denti (lo strato esterno)?

Sulla base di una ricerca scientifica approvata dalla “American Association of Dental Research” (Associazione Americana di Ricerca Dentale), i prodotti sbiancanti che contengono nitrato di potassio e fluoruri riducono l’ipersensibilità dei denti e migliorano la salute orale, hanno un effetto anti-decadimento sui denti e aumentano la resistenza all’abrasione dello smalto.

Lo sbiancamento dei denti deve essere eseguito solo sotto il controllo del dentista.

Non è una procedura consentita durante la gravidanza e il periodo di allattamento.
Lo sbiancamento dei denti al giorno d’oggi è efficace e sicuro, se fatto in modo appropriato e con il materiale adatto. Ciò include un’attenta diagnosi primaria, pulizia professionale dei denti da calcoli e macchie presenti, spiegazione della procedura di sbiancamento dei denti e monitoraggio durante il processo di sbiancamento.
Lo sbiancamento dei denti domestici con materiali cosmetici potrebbe causare irritazione gengivale e avere una bassa efficienza.

Quanti modi ci sono per lo sbiancamento?

Lo sbiancamento viene effettuato nei seguenti modi:
1. Sbiancamento in ufficio; eseguito in uno studio odontoiatrico, dura circa 30 minuti, si possono fare diverse sedute a seconda della richiesta del paziente per un determinato colore dentale. Esiste un’alta percentuale di principio attivo sbiancante (35-38% di perossido di idrogeno).

2. Sbiancamento domestico: viene eseguita l’impronta della bocca e viene fabbricata una custodia in silicone, riempita con agente sbiancante e tenuta in bocca durante il giorno o la notte. Il tempo di conservazione varia da 45 minuti a tutta la notte a seconda della percentuale di principio attivo (10-15-20-22% di perossido di carbammide).

3. Sbiancamento non vitale: sbiancamento eseguito sui denti dopo la rimozione dei nervi che hanno cambiato colore. In questi casi l’otturazione del dente viene rimossa e il materiale sbiancante viene posto nella cavità e lasciato lì per 3-5 giorni. Si ripeterà fino al raggiungimento dell’effetto schiarente desiderato; si effettua un riempimento temporaneo per 10-15 giorni in attesa che il livello di ossigeno diminuisca rispetto al riempimento finale.

Faccetta in porcellana Emax Ivoclar

Le faccette in porcellana sono i metodi più moderni che realizzano un’estetica perfetta e allo stesso tempo preservano la struttura del dente.

Zbardhim Dhëmbësh - Brianza Dent

Vantaggi:

Le faccette in porcellana sono molto resistenti. Sebbene abbiano uno spessore molto piccolo di 0,5-0,7 mm, quando incollati alla struttura del dente naturale diventano molto resistenti e con la cura adeguata possono durare fino a 10 o 15 anni.

Sono molto estetici. Le faccette in porcellana conferiscono al dente un aspetto molto naturale perché la rifrazione della luce nella porcellana dà lo stesso effetto dello smalto dei denti.

Non cambiano colore nel tempo. A differenza del composito, la porcellana ha una superficie liscia che non consente al cibo o ai liquidi di accumularsi e cambiare colore.

Quali problemi si possono risolvere con le faccette?

Le faccette dentali sono anche chiamate “ortodonzia rapida” perché possono coprire una serie di problemi dentali nell’area frontale:

– Lo spazio tra i denti anteriori

– Denti dalla forma poco estetica

– Denti anteriori rotti sul tagliente

– Denti che hanno cambiato colore in superficie o all’interno (denti devitalizzati)

– Denti con imbottitura non estetica

Odontoiatria Estetica

Al giorno d’oggi l’estetica ha un’importanza speciale e poiché il viso e soprattutto la bocca e i denti hanno un ruolo importante, è nata la necessità di sviluppare l’odontoiatria estetica.

Le persone amano la bellezza e vogliono apparire belli, e nei casi in cui ci sono problemi nel sorriso di qualcuno, allora attraverso tecniche specifiche, materiali super estetici e interventi chirurgici si realizza un sorriso perfetto. Di seguito spieghiamo alcuni dei materiali e delle tecniche utilizzate:

Chirurgia Estetica delle Gengive

Questo intervento consiste nel rimuovere parte dell’osso e delle gengive che circondano i denti. Dopo questo intervento, si prevede che le gengive guariscano per 6 settimane e quindi si potrà continuare il lavoro protesico. Questo intervento viene eseguito nei seguenti casi:

1. Gummy Smile; sono i casi in cui la gengiva della persona è molto evidente durante un sorriso o una risata. In questi casi il livello della gengiva sale più in alto e quindi i denti vengono rivestiti con faccette in porcellana (Laminate) o con corone in porcellana.

2. Nei casi in cui le gengive sono ingrandite, a causa dell’uso di vari medicinali o malattie gengivali, e coprono una parte dei denti.

3. Nei casi in cui abbiamo una differenza nella lunghezza dei primi denti. Interferendo con la parte gengivale possiamo fare in modo che i denti abbiano la stessa lunghezza.

4. Nei casi in cui la lunghezza del dente è insufficiente per eseguire lavorazioni su di esso, si interviene effettuando un prolungamento della corona (Crown Lengthening).

Sbiancamento dei denti

Perché i denti cambiano colore?

Le cause dello scolorimento dei denti sono molteplici, come: farmaci vari, traumi dentali (fratture, impatti, ecc.), Rimozione del nervo dentale.

L’uso di antibiotici come la tetraciclina da parte della madre durante la gravidanza o dal bambino, influisce sullo scolorimento dei denti del bambino; in alcuni casi, cibi o bevande speciali come Coca Cola, caffè, alimenti che hanno coloranti nella composizione, influenzano il colore dei denti.

Come avviene (funziona) lo sbiancamento?

Le sostanze utilizzate per lo sbiancamento sono: Perossido di Carbamide e Perossido di Idrogeno. Queste due sostanze hanno la capacità (qualità) di passare liberamente attraverso gli strati del dente (smalto, dentina) e di diffondersi a tutte le parti del dente. Questi perossidi (Carbamide e Perossido di idrogeno) vengono scomposti in radicali di ossigeno, che entrano tra i prismi di smalto (strato esterno del dente), disperdendo (distruggendo) le molecole colorate che influenzano il colore del dente. Lo sbiancamento non influisce sulla struttura del dente, solo che il colore interno del dente diventa più bianco.

Gli agenti sbiancanti si scompongono in molecole più piccole e si muovono in tutte le direzioni all’interno del dente. Anche se l’intero dente non è coperto dal agente sbiancante, sbianca il tutto.
Numerosi studi scientifici hanno dimostrato l’efficacia dei perossidi nello sbiancamento dei denti. Lo smalto e la dentina (due strati di dente), le otturazioni esistenti e la porcellana non vengono intaccate o danneggiate dagli agenti sbiancanti.

Zbardhim Dhëmbësh - Brianza Dent

È vero che lo sbiancamento influisce sulla connessione tra l’otturazione e il dente?

Sebbene gli agenti sbiancanti rilasciano grandi quantità di ossigeno nei denti, i legami delle otturazioni esistenti ai denti non vengono influenzati.
Ma se le otturazioni bianche devono essere fatte dopo lo sbiancamento, si deve attendere per un periodo di 7-10 giorni, poiché l’elevata quantità di ossigeno nei denti influisce negativamente sull’otturazione del dente (per le nuove otturazioni da fare).

Quanto dura l’effetto schiarente?

I risultati dello sbiancamento sono costanti. Tuttavia, a seconda delle abitudini alimentari e dello stile di vita, potrebbe essere necessario ripetere lo sbiancamento ogni 2 anni.
Per mantenere inalterato l’effetto sbiancante, si consiglia l’uso regolare dell dentifricio sbiancante consigliato dal medico.

È vero che lo sbiancamento causa ipersensibilità?

L’ipersensibilità è un effetto collaterale temporaneo dello sbiancamento. Si fermerà alla fine della seduta di sbiancamento. I recenti prodotti per lo sbiancamento dei denti sono ora composti da elementi come il nitrato di potassio che elimina l’ipersensibilità.
Secondo la ricerca scientifica il nitrato di potassio penetra nello smalto, nella dentina e persino nel tessuto pulpare agendo come un sedativo (effetto analgesico e anestetico).
I materiali per lo sbiancamento dei denti contengono fluoruri che vengono utilizzati nel trattamento dell’ipersensibilità dei denti e nella prevenzione della carie.

È vero che lo sbiancamento dei denti causa problemi indebolendo lo smalto dei denti (lo strato esterno)?

Sulla base di una ricerca scientifica approvata dalla “American Association of Dental Research” (Associazione Americana di Ricerca Dentale), i prodotti sbiancanti che contengono nitrato di potassio e fluoruri riducono l’ipersensibilità dei denti e migliorano la salute orale, hanno un effetto anti-decadimento sui denti e aumentano la resistenza all’abrasione dello smalto.

Lo sbiancamento dei denti deve essere eseguito solo sotto il controllo del dentista.

Non è una procedura consentita durante la gravidanza e il periodo di allattamento.
Lo sbiancamento dei denti al giorno d’oggi è efficace e sicuro, se fatto in modo appropriato e con il materiale adatto. Ciò include un’attenta diagnosi primaria, pulizia professionale dei denti da calcoli e macchie presenti, spiegazione della procedura di sbiancamento dei denti e monitoraggio durante il processo di sbiancamento.
Lo sbiancamento dei denti domestici con materiali cosmetici potrebbe causare irritazione gengivale e avere una bassa efficienza.

Zbardhim Dhëmbësh - Brianza Dent

Quanti modi ci sono per lo sbiancamento?

Lo sbiancamento viene effettuato nei seguenti modi:
1. Sbiancamento in ufficio; eseguito in uno studio odontoiatrico, dura circa 30 minuti, si possono fare diverse sedute a seconda della richiesta del paziente per un determinato colore dentale. Esiste un’alta percentuale di principio attivo sbiancante (35-38% di perossido di idrogeno).

2. Sbiancamento domestico: viene eseguita l’impronta della bocca e viene fabbricata una custodia in silicone, riempita con agente sbiancante e tenuta in bocca durante il giorno o la notte. Il tempo di conservazione varia da 45 minuti a tutta la notte a seconda della percentuale di principio attivo (10-15-20-22% di perossido di carbammide).

3. Sbiancamento non vitale: sbiancamento eseguito sui denti dopo la rimozione dei nervi che hanno cambiato colore. In questi casi l’otturazione del dente viene rimossa e il materiale sbiancante viene posto nella cavità e lasciato lì per 3-5 giorni. Si ripeterà fino al raggiungimento dell’effetto schiarente desiderato; si effettua un riempimento temporaneo per 10-15 giorni in attesa che il livello di ossigeno diminuisca rispetto al riempimento finale.

Faccetta in porcellana Emax Ivoclar

Le faccette in porcellana sono i metodi più moderni che realizzano un’estetica perfetta e allo stesso tempo preservano la struttura del dente.

Zbardhim Dhëmbësh - Brianza Dent

Vantaggi:

Le faccette in porcellana sono molto resistenti. Sebbene abbiano uno spessore molto piccolo di 0,5-0,7 mm, quando incollati alla struttura del dente naturale diventano molto resistenti e con la cura adeguata possono durare fino a 10 o 15 anni.

Sono molto estetici. Le faccette in porcellana conferiscono al dente un aspetto molto naturale perché la rifrazione della luce nella porcellana dà lo stesso effetto dello smalto dei denti.

Non cambiano colore nel tempo. A differenza del composito, la porcellana ha una superficie liscia che non consente al cibo o ai liquidi di accumularsi e cambiare colore.

Quali problemi si possono risolvere con le faccette?

Le faccette dentali sono anche chiamate “ortodonzia rapida” perché possono coprire una serie di problemi dentali nell’area frontale:

– Lo spazio tra i denti anteriori

– Denti dalla forma poco estetica

– Denti anteriori rotti sul tagliente

– Denti che hanno cambiato colore in superficie o all’interno (denti devitalizzati)

– Denti con imbottitura non estetica

   str. Bardhok Biba, Pll. Hodaj, Ap.
A9, Tirana – Albania

info@brianzadent.al

Lun – Sab 8.00 – 18.00

+355 69 704 0055
+39 392 36 92 789